Per informazioni contattateci al 389 5814959


Home » Parliamo di... » Gravidanza e tiroide

Gravidanza e tiroide

Le statistiche riportano che in media una donna su otto sviluppa un disturbo tiroideo nel corso della vita e dal 5 all’8% dei casi questo avviene dopo una gravidanza.
Durante la gravidanza la tiroide è costretta ad aumentare di circa il 50% la produzione dell’ormone tiroideo dal momento che il feto, fino alla 12esima settimana, è privo di una sua tiroide ed è la mamma a dover supplire e trasferire, oltre allo iodio assunto con gli alimenti, la quota di ormone necessaria alla crescita e garantire lo sviluppo del sistema nervoso centrale.

Tutte le tappe dello sviluppo del sistema nervoso centrale, da quelle più precoci a quelle più tardive sono sotto il controllo degli ormoni tiroidei prima materni e poi materni e fetali.

Prima di iniziare una gravidanza si consiglia di assumere iodio in quantità sufficiente e di verificare il buon funzionamento della tiroide per garantire al bambino un apporto di iodio e ormoni tiroidei sufficienti allo sviluppo del suo sistema nervoso e della sua intelligenza.
Inoltre, l’uso del sale iodato, assunto fin dall’infanzia, costituisce la migliore prevenzione dello sviluppo dei noduli tiroidei.

Post Tagged with , ,

Comments are closed.